Russi

Ucciso 31 anni fa, resti riesumati

Sotto gli occhi della madre, della sorella e del fratello, è stata prelevata in mattinata della cappelletta di famiglia del cimitero di Alfonsine, nel Ravennate, la bara con i resti di Pier Paolo Minguzzi, il 21enne, studente universitario, rampollo di una famiglia di imprenditori della zona e carabiniere di leva alla caserma di Mesola (Ferrara) sequestrato il 21 aprile 1987 mentre stava rincasando e probabilmente ucciso quasi subito. Alle operazioni, iniziate verso le 8 e andate avanti per 30 minuti, hanno assistito alcuni poliziotti compreso il dirigente della squadra Mobile Claudio Cagnini. Gli stessi hanno infine scortato il feretro sino all'ingresso dell'autostrada, per raggiungere l'istituto di medicina legale di Pavia dove la riesumazione dei resti era fissata per le 13. Gli accertamenti sono nell'ambito di un'indagine, coordinata dai Pm Alessandro Mancini e Marilù Gattelli, con tre persone sotto accusa in concorso per sequestro di persona, omicidio aggravato e occultamento di cadavere.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie